Alcuni contenuti non sono disponibili poiché hai disabilitato i cookie. 

Per accedere a questi contenuti puoi abilitare i cookie: fai clic per registrare le tue preferenze sui cookie.

Acqua micellare e acqua termale: quale scegliere?

Sia l’acqua micellare che quella puramente termale hanno una cosa fondamentale in comune: l’idratazione che forniscono alla pelle. I benefici e le proprietà di entrambe si possono riassumere in un’azione purificante e rigenerativa al contempo.

In questo post parliamo di:

Quale acqua scegliere per purificare la pelle

 


L’acqua micellare, così come quella termale, quindi, hanno caratteristiche tali da purificare a fondo il derma senza aggredire la pelle, soprattutto per quanto riguarda lo strato lipidico superficiale che funge da barriera contro gli agenti esterni. L’acqua termale, in più, presenta una serie di minerali preziosi che hanno il potere di riequilibrare il PH. 

Occorre, quindi, verificare le proprie necessità per effettuare la scelta più adatta alle singole esigenze. 

In generale, purificare la pelle a fondo, specie quella del viso, è fondamentale almeno due volte al giorno sia per eliminare tutte le impurità che si accumulano, specie dopo una giornata cittadina immersa nello smog e quindi foriera di radicali liberi, che a seguito dell’eliminazione del trucco. L’acqua micellare e termale spesso coincidono, e la loro sinergia elimina tracce di trucco o di scorie in modo estremamente efficace.

leggi anche : La doppia detersione come trattamento antiage

 

Acqua micellare: a cosa serve, come si usa

un acqua micellare completamente biologica per detergere a fondo la nostra pelle grazie anche al carbone nero -myfloreschic

L’acqua micellare contiene particelle cosiddette tensioattive, ovvero che diminuiscono la tensione di un liquido consentendogli di penetrare più agevolmente. Risulta utile per ripulire la pelle stressata e per eliminare qualsiasi traccia di trucco. Ne basta un po’ su un dischetto di cotone da passare delicatamente sul viso per “attivare” le micelle.

Queste, cominceranno a inglobare ogni impurità residua e apparentemente invisibile per consentirne l’asportazione veloce e immediata sia che si tratti di smog che di cellule morte. Non bisogna strofinare  perché è perfetta da sola e soprattutto è adatta anche sulle pelli più sensibili.

La sensazione sarà di morbidezza e idratazione estreme e assolutamente naturali.

 

leggi anche : Acqua micellare al carbone attivo di Natura Siberica , Acqua micellare Garnier, scopriamo quella bifasicaAcqua micellare Nectar de Roses Melvita

 

Come scegliere l’acqua micellare e quando usarla


Non ci sono limiti all’utilizzo di acqua micellare, proprio per la sua natura delicata e ben tollerata da ogni tipologia di pelle. Naturalmente, ne esistono varianti adatte alle più svariate esigenze e ciò la rende anche piuttosto versatile.

Una pelle secca può necessitare, oltre che di idratazione, anche di una buona dose di vitamina A, che incrementa la protezione contro i radicali liberi presenti nell’ambiente.

leggi anche : Come trattare la pelle secca del viso, specie quella matura  , Vitamina A. dove si trova e quali sono i principali benefici per la pelle 

Una buona acqua micellare contribuisce anche a lenire le infiammazioni dovute alla secchezza con la vitamina B che normalizza gli arrossamenti e con la C che è un ottimo antibatterico e interviene anche sul colorito, contrastando le macchie da iperpigmentazione.

Una pelle grassa o acneica dovrà ugualmente essere idratata ma in questo caso l’acqua micellare dovrà contenere estratti di zinco, un minerale che ha un’azione regolatrice sulla produzione di sebo. 

Infine, proprio nel rispetto degli standard qualitativi e di naturalità, non dovrebbe contenere sostanze chimiche quali parabeni oppure alcool.

 

 La differenza tra l’acqua micellare e il tonico


Sia l’acqua micellare che il tonico possono essere impiegati dopo aver struccato il viso con prodotti più specifici, magari anche waterproof, ma l’acqua micellare ha anche proprietà struccanti che nel tonico non ritroviamo. Un tonico, inoltre, può contenere sostanze sintetiche mentre nell’acqua micellare solitamente si prediligono ingredienti naturali.

L’acqua micellare, insomma, rispetta la pelle in maniera più sicura detergendola a fondo, ma un tonico può comunque essere un valido alleato per tonificare, come dice il suo nome, un viso stanco con il supporto di acido ialuronico, elasticizzante e rimpolpante. 

Si può decidere di usare l’una o l’altro in momenti alterni per verificare, letteralmente sulla propria pelle, con quale ci si trovi meglio o addirittura impiegarli entrambi per creare una sinergia unica.

 

Acqua termale: a cosa serve, come si usa

L’acqua termale, come già accennato, contiene numerosi minerali, che raccoglie dalle rocce lungo il suo percorso.

Un bagno in acque termali apporta numerosi benefici sotto numerosi punti di vista: contrasta infiammazioni, dolori muscolari e articolari e, soprattutto, rilassa il corpo. Se assunta per via orale questi benefici possono aumentare in maniera esponenziale ma gli effetti sono eccellenti anche se si applica sulla pelle come formulazione di bellezza.

Innanzitutto è ottima sulle pelli secche e tendenti ad arrossarsi con fastidiosi eczemi. La sua funzione idratante e lenitiva è data dalla presenza di zinco, mentre lo iodio è illuminante su un viso stanco e spento. Il contenuto di zolfo, invece, riequilibra la produzione eccessiva di sebo su una pelle che tenda ad essere mista o grassa e contribuisce a stimolare la produzione di collagene. Il collagene diminuisce con l’avanzare dell’età, determinando il naturale invecchiamento cutaneo e l’acqua termale rappresenta, in tal senso, un antiage eccezionale. Inoltre, lo zolfo ha anche un’azione esfoliante, quindi purifica l’epidermide eliminando cellule morte e residui dello stress ossidativo.

A differenza di un’acqua micellare, poi, l’acqua termale non contiene sostanze che veicolino i suoi preziosi minerali in profondità, per cui è necessario massaggiare il viso dopo l’applicazione se si desidera che il trattamento di bellezza arrivi fin nel derma e faccia il suo dovere. Si rivela utile anche come base protettiva per fissare il trucco creando, al contempo, uno scudo, ma anche a fine giornata per purificare i pori.

 

Alla prossima!

 

Seguimi anche su Facebook Instagram

 

Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su facebook

Le recensioni e review presenti in questo blog sono frutto della mia esperienza personale, così come le opinioni espresse nei post.

ebook in regalo:

La salute delle labbra

Iscriviti alla newsletter MyFloreschic e ricevi in regalo i consigli per proteggere la salute delle tue labbra

ebook in regalo:

La salute delle labbra

Iscriviti alla newsletter MyFloreschic e ricevi in regalo i consigli per proteggere la salute delle tue labbra.

ebook-cura-labbra-cover-myfloreschic

Questo sito utilizza cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e raccogliere statistiche anonime sul suo utilizzo. Mentre alcuni cookie sono abilitati automaticamente, altri cookie possono essere disattivati. Per i dettagli leggi la Privacy Policy.

Attivando tutti i cookie ci aiuti a migliorare la tua esperienza sul sito.

Alcuni contenuti non sono disponibili poiché hai disabilitato i cookie. 

Per accedere a questi contenuti puoi abilitare i cookie: fai clic per registrare le tue preferenze sui cookie.